PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Pesaro, spuntano le “case dell’acqua” a Villa Fastiggi e al San Decenzio

Inaugurate da Ricci e Foronchi con Marche Multiservizi e Aato: "Meno plastica, più sostenibilità e risparmio"

1.073 Letture
commenti
Inaugurazione di una "Casa dell'acqua" a Pesaro

Spuntano le prime “case dell’acqua” in città. Una a Villa Fastiggi, l’altra al parcheggio del San Decenzio. A battezzare il distributore di via della Concordia, di prima mattina, il sindaco Matteo Ricci e l’assessore Franca Foronchi, insieme ai vertici di Marche Multiservizi e Aato e al presidente del quartiere Luca Di Dario. Con loro, una rappresentanza delle medie della Galilei.

L’acqua, che proviene direttamente dalla rete acquedottistica locale, è disponibile in modalità refrigerata, frizzante o leggermente frizzante. Al costo di cinque centesimi al litro. Così Ricci: “L’acqua va preservata e tutelata. È un bene primario, deve essere a disposizione di tutti ai prezzi più bassi possibili. Quella del nostro acquedotto è potabile e costantemente controllata. E in queste casette è buona come quella minerale.

Un servizio importante, utile ad educare le nuove generazioni a un consumo consapevole. Che in più assicura un bel risparmio. Evidenzia il presidente Mms Massimo Galuzzi, affiancato dall’amministratore delegato Mauro Tiviroli: “L’obiettivo è promuovere la qualità dell’acqua erogata dall’acquedotto, su cui eseguiamo ogni anno oltre 70 mila analisi. Tenendo monitorati i punti di prelievo e le reti attraverso un preciso piano di controlli.

Con le casette si contribuisce alla sostenibilità, consumando meno plastica e facendo economia domestica. Realizzate da Adriatica Acque, sono il risultato dell’impegno congiunto di Comune, Marche Multiservizi e Aato”. Spiega il sindaco di Peglio Daniele Tagliolini, in rappresentanza dell’Aato: “Ridurre i rifiuti di plastica non è cosa banale. Con le casette diamo un segnale supplementare.

E a Pesaro avremo in futuro investimenti importanti, portati avanti dall’Aato e attesi da anni: il primo è legato al depuratore di Borgheria. In più ci saranno azioni sull’ambito dell’approvvigionamento idrico: con la Regione abbiamo fatto un grande passo per definire i punti dove captare acqua in falda sotterranea. Per ottenere una qualità ulteriore”.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!