PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Sfruttavano i connazionali con finta cooperativa: arrestati sei pakistani

Le 17 persone sfruttate venivano impiegati in imprese a Sant’Angelo in Vado, Lunano e Senigallia

1.492 Letture
commenti
Guardia di Finanza, 117, fiamme gialle

Avevano costituito una cooperativa con lo scopo di sfruttare i connazionali facendosi restituire parte della paga: a finire in manette per caporalato 6 pakistani. L’operazione congiunta della Finanza e dei carabinieri di Urbino, a seguito di una minuziosa indagine capillare, ha scoperto l’illecito nel settore del facchinaggio e dell’assemblaggio.

La cooperativa era gestita da 6 soggetti pakistani, indagati per il reato di “Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro”. Di fatto avevano sottoposto a sfruttamento lavorativo 17 connazionali impiegandoli presso imprese operanti nel settore degli impianti di irrigazione a Sant’Angelo in Vado, Lunano e Senigallia.

Le 17 vittime, costrette di fatti ad accettare tali taciti accordi prima dell’assunzione, dovavano restituire parte della retribuzione mensile, formalmente corretta, sotto minaccia di licenziamento.

I Carabinieri ispettori del lavoro ed i Finanzieri hanno infatti accertato che la compilazione e la consegna delle buste paga nonché l’accredito dello stipendio erano formalmente regolari e in linea con le previsioni del contratto collettivo nazionale di categoria: i lavoratori percepivano in realtà 5 euro l’ora invece dei 9 previsti, con un orario giornaliero medio di 10 ore che, in alcuni casi, poteva raggiungere addirittura le 16 ore di lavoro consecutive.

I lavoratori, privati anche del riconoscimento di ferie, tredicesima, indennità, infortuni e malattie – venivano anche sanzionati in caso di presunte inadempienze , anche in questo caso attraverso la decurtazione dello stipendio. Per quello che riguarda il TFR previsto in caso di interruzione o cessazione dell’impiego veniva loro sistematicamente negato, sempre tramite la restituzione in contanti. Per quattro di loro sono scattati gli arresti domiciliari, per altri due l’obbligo di dimora.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!