PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Estradato in Italia il rumeno che derubò la signora fanese

Un'operazione internazionale ha portato alla cattura del malvivente

2.582 Letture
commenti
carabinieri

Si conclude domani la vicenda di Ionut Marcel Durca, alle ore 13:30 con il volo proveniente da Bucarest (Romania), quando il rumeno colpevole di furto aggravato giungerà, in esecuzione di Mandato d’Arresto Europeo, presso l’aeroporto di Fiumicino,  per essere trasferito alla Casa Circondariale di Roma Rebibbia.

A distanza di poco più di un mese, il rumeno responsabile del sequestro e rapina operati nei confronti di una signora 79enne residente a Fano condotta a forza ed abbandonata ad Anzio, è stato reinstradato in Italia per rispondere di fronte al giudice delle azioni commesse.

Il 27 giugno 2014 Durca, assunto dalla signora fanese per alcuni lavori di ristrutturazione all’abitazione, depositati gli arnesi da lavoro, con violenza e sotto minaccia la derubava per poi costringerla a salire in auto in un viaggio che l’avrebbe condotta il mattino dopo sulla costa laziale quando, vinte le paure indotte dalle minacce del delinquente decideva di chiedere aiuto e dare l’allarme per quanto accaduto. Movente dell’azione criminale un disperato quanto reiterato bisogno di denaro determinato dall’irrefrenabile ludopatia del rumeno vittima delle slot machine e del videopoker.

I Carabinieri di Fano avviate le indagini, in brevissimo tempo hanno raccolto elementi inconfutabili circa la responsabilità del rumen che nel frattempo era rimpatriato. Il Gip di Pesaro, dott. Cormio, su richiesta del PM, dott.ssa Fucci, ha immediatamente emesso un’ordinanza di custodia cautelare e contestuale mandato di arresto europeo. Grazie al Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia – S.I.R.E.N.E., che  ha reso operativa l’ordinanza, si è aperto un canale comunicativo diretto con la polizia rumena. L’8 luglio 2014 il fuggitivo è stato individuato a Coltirea Marfamures (Romania) presso l’abitazione di alcuni fiancheggiatori, pronto a  espatriare in un paese in cui non fosse applicabile il mandato di arresto europeo.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!