PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Trenta anni di carcere all’omicida di Lucia Bellucci

L'avvocato veronese Ciccolini condannato con rito abbreviato, disposti i risarcimenti ai familiari

6.573 Letture
commenti
L'avvocato veronese Vittorio Ciccolini e l'estetista di Pergola Lucia Bellucci

Celebrato a Trento il processo per l’omicidio di Lucia Bellucci, l’estetista pergolese uccisa nel 2013 a Pinzolo, in Trentino, dall’ex fidanzato di Verona Vittorio Ciccolini. Il giudice Carlo Ancona ha stabilito per l’avvocato 46enne una condanna a trenta anni di carcere oltre all’interdizione dai pubblici uffici e ai risarcimenti danni per i familiari della vittima.

Lucia Bellucci venne uccisa la sera del 9 agosto, dopo una cena tra i due ex fidanzati a Spiazzo Rendena, con quattro coltellate. L’accusa parlò di omicidio premeditato perché accecato dalla rabbia dato che la donna voleva rompere la storia con Ciccolini. Due le aggravanti: la minorata difesa per averla portata in una zona dove non poteva chiedere aiuto e i motivi abbietti, la vendetta per la decisione di troncare il fidanzamento.

Al processo con rito abbreviato sul reo confesso 46enne di verona erano presenti i familiari della vittima, parti “offese” così come si è costituito il fidanzato (il medico catanese Marco Pizzarelli), il sindaco di Pergola Francesco Baldelli e l’associazione veronese contro il femminicidio “Isolina”. A tutti tranne che a quest’ultima è stato riconosciuto il risarcimento, perché ritenuto da decidere in separata sede con giudizio civile.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!