PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Dipinto di Leonardo ritrovato in Svizzera, la proprietaria è di Pesaro

Le trattative per la vendita erano quasi concluse per 120 milioni di euro. 70 gli indagati

4.610 Letture
commenti
Il dipinto olio su tela attribuito dal Prof. Carlo Pedretti a Leonardo Da Vinci, raffigurante “Isabella D’Este” sequestrato dalla Gdf di Pesaro in Svizzera

Almeno 70 le persone indagate dalla Procura della Repubblica di Pesaro nell’ambito dell’inchiesta sul ritrovamento dell’ormai noto dipinto attribuito a Leonardo da Vinci in una banca svizzera. Tra questi vi sono anche due avvocati della provincia, uno del foro di Pesaro e l’altro del foro di fano.

E intanto emergono novità in merito alla proprietà del dipinto olio su tela ritrovato dalla Guardia di Finanza di Pesaro e dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Artistico di Ancona (cui sono andate le congratulazioni del mondo culturale e politico) nel caveau di un istituto fiduciario svizzero con sede a Lugano. Uno degli avvocati coinvolti aveva infatti ricevuto il mandato a vendere il dipinto raffigurante il ritratto di Isabella d’Este, di dimensioni cm 61 x 46,5: la proprietaria è una 70enne di Pesaro, E.C., che aveva ereditato il quadro dal padre a sua volta ereditato dalla madre.

Gli inquirenti sarebbero arrivati all’individuazione del quadro e al suo sequestro proprio prima che fosse ultimata la vendita della tela. Sembra infatti che le trattative fossero giunte a conclusione: il valore del quadro – se confermata la paternità di Leonardo – è di circa 95 milioni di euro, ma per il “passaggio di proprietà” il nuovo acquirente era disposto a sborsare ben 120 milioni di euro.

Alcuni degli indagati sono nel mirino per associazione a delinquere finalizzata all’illecita esportazione di opere d’arte, in assenza di licenza di esportazione; altri invece per altra associazione a delinquere, finalizzata alla commissione di truffe in danno di società di assicurazione.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!