PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Cartoceto: la Pro Loco fa il punto sul turismo

Fissato un incontro il 21 febbraio per capire quale sarà il futuro delle Pro Loco e dei punti IAT

2.105 Letture
commenti
cartoceto-comune

“Facciamo il Punto” è il tema dell’incontro che il Comitato Provinciale delle Pro Loco (UNPLI) ha organizzato per sabato 21 febbraio a Cartoceto al quale sono chiamati a confrontarsi i presidenti e referenti di Punti IAT (Accoglienza turistica) delle Pro Loco. La giornata, alla quale è inviato il Sindaco di Cartoceto Enrico Rossi, sarà condotta da Francesco Fragomeno e Lorenzo Bonafede del Comitato UNPLI relazioneranno il Dott. Ignazio Pucci e  Roberta Magi del Servizio Turismo della Provincia di Pesaro e Urbino.

Il tema è appunto fare il punto sul turismo, per capire e confrontarsi sulla questione se gli uffici IAT istituiti dalle Pro Loco sono utili al turismo, capire se si può far meglio, ma anche comunicare e confrontarsi con le istituzioni (Comuni, Provincia e Regione) se hanno compreso il valore dell’accoglienza diretta nei confronti dei turisti offerta dal volontariato delle Pro Loco.

Il Punto è anche conoscere e capire quale futuro, se si potrà creare un sistema in rete tra tutti gli attori del turismo a partire dalle attività imprenditoriali alle categorie del turismo e promuovere una fitta collaborazione e sinergia tra gli enti ed istituzioni che gestiscono musei, monumenti e parchi perché queste ricchezze, oltre all’enogastronomia, fanno il brand della provincia di Pesaro e Urbino e delle Marche.

La domanda che si porranno le Pro Loco, e sarà difficile rispondere, verte su cosa accadrà con la soppressione delle competenze in materia di turismo delle Province: chi saranno i nostri interlocutori sul territorio, quali cambiamenti. Se sino ad oggi le Pro Loco con gli otto Punti IAT dislocati sul territorio provinciale (Candelara, Carpegna, Cartoceto, Fermignano, Fossombrone, San Costanzo, San Lorenzo in Campo, Serra Sant’Abbondio e Santa Maria dell’Arzilla) si sono arrabattati senza finanziamenti istituzionali e inventandosi un percorso promozionale del turismo, da domani con il passaggio delle competenze turistiche alla Regione Marche che cosa potranno ancora fare.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!