PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Notte Rosa fino a Pesaro, per Ricci si può: “Grande opportunità turistica e di promozione”

Asse con Rimini, il sindaco lancia anche il San Bartolo

2.388 Letture
commenti
Notte Rosa

Notte Rosa fino a Pesaro? Per Matteo Ricci si può: “Per noi è una grande opportunità“, dice il sindaco, che raccoglie l’apertura ufficiale di Andrea Gnassi. Comunque condivisa, perché il paradigma è riconosciuto: “Non si vive di campanili ma di sfide da giocare insieme“. Così, nel decennale dell’evento, “possiamo dimostrare una collaborazione tra territori e regioni differenti, allargando gli orizzonti. Lo stiamo già facendo sul progetto dedicato a Piero della Francesca“.

Asse. Lo schema di Ricci prevede l’inserimento su tutte le giornate della manifestazione. Non sarà quindi una one night. Tuttavia: “Se entreremo, come vogliamo, lo faremo con le nostre specificità e caratteristiche. L’idea è caratterizzare la parte del nord delle Marche con eventi di rilievo culturale. In modo da non sovrapporre iniziative, arricchendo il programma della Notte Rosa“. E allora si guarda al San Bartolo: “È la chicca che possiamo mettere in campo – è convinto il sindaco -, l‘elemento di assoluta bellezza che fa la differenza sul fronte ambientale“. D’altra parte, già negli Stati generali del Turismo, il sindaco aveva chiarito: “Se anche Rimini promuove e valorizza la falesia, perché deve essere geloso?“.

Evento. Primi ragionamenti, dunque, ma la trattativa è partita: “Ci stiamo confrontando in queste ore con Andrea Corsini, l’assessore al Turismo dell’Emilia Romagna. Ho già parlato con i Comuni di Gabicce, Gradara e Fano: hanno dato una prima disponibilità. Ma c’è anche il Comune di Tavullia. Per la vicinanza e perché sarebbe interessante coinvolgere in questa storia anche il fan club di Valentino Rossi“. Lo step successivo è annunciato: “Dobbiamo sederci tutti intorno a un tavolo per entrare nel merito. Serve un incontro per capire le modalità migliori. Specie sulle condizioni economiche“. D’altra parte la Notte Rosa è un evento che si porta dietro una promozione internazionale. “Anche per questo – aggiunge -, se davvero vogliamo puntare sul turismo, è un’occasione da cogliere. Inserendoci con il nostro target culturale e ambientale. I nostri diversi turismi possono integrarsi“.

Cartellone. Sul programma il sindaco precisa: “Ci sono già tante iniziative che Pesaro propone in quel periodo. Si tratta di confezionarle meglio. Ripeto: arricchiremo il cartellone della Notte Rosa, senza doppioni. Poi valuteremo se aggiungere qualcosa“. Resta il dato di fondo: “La Riviera Adriatica, pur con caratteristiche differenti, può dialogare su alcuni temi. Naturalmente la Notte Rosa sarà anche divertimento“. E, in prospettiva, Ricci già rilancia il ‘venerdì pesarese’: “Non più una sperimentazione singola ma un appuntamento acquisito. Lo faremo tutti i venerdì d’estate sul lungomare. Per una città più vivace, nel modo giusto“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!