PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Fano: inchiesta ospedaliera sul paziente del pronto soccorso andato in coma

L'uomo si trova tuttora nel reparto di rianimazione del San Salvatore a Pesaro

2.412 Letture
commenti
Fano, ospedale Santa Croce

In seguito a quanto accaduto sabato 14 marzo al pronto soccorso dell’Ospedale Santa Croce di Fano, è stata aperta un’inchiesta ospedaliera per accertare lo svolgersi dei fatti. Un fanese portato al pronto soccorso dal 118 dopo qualche ora di attesa – gli era stato assegnato un codice verde e una barella sulla quale stendersi – è stato trovato in terra sanguinante da un orecchio

L’uomo era stato poi trasportato all’ospedale di Pesaro per le implicazioni neurochirugiche dove si trova tuttora ricoverato per ematoma cranico nel reparto di rianimazione.

Il paziente era già noto alla struttura sanitaria fanese per una serie di complesse problematiche patologiche e per questo era tenuto sotto controllo ma in seguito a un malore improvviso era caduto a terra. Era stato però visto da molte persone alzarsi dalla barella e deambulare per il corridoio dell’ospedale fuori dalla sala d’attesa.

La presidente Adriana Amello del Tribunale del Malato che si sta interessando della vicenda è intervenuta sullo spiacevole episodio: “Questi fatti non devono avvenire però non possiamo condannare il personale in servizio, perché in alcuni casi è molto difficile controllare tutti. Soprattutto ci sono pazienti con diverse problematiche che è difficilissimo tenere sotto stretta osservazione. Se poi aggiungiamo che il personale è sempre meno di quello che sarebbe necessario, si capisce bene che le criticità sono ben maggiori. Sono anni infatti che segnaliamo questa emergenza, ravvisando un organico sottodimensionato rispetto alle esigenze“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!