PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Ospedale di San Marino rifiuta ambulanza con paziente italiana, 17enne portata ad Urbino

L'ospedale: "non rifiutiamo le cure a nessuno", ma parlano dei testimoni a favore della ragazza

1.985 Letture
commenti
Repubblica di San Marino, dogana

Un piccolo caso diplomatico ha coinvolto la Repubblica di San Marino e la Provincia di Pesaro e Urbino a seguito di una caduta in moto in cui è rimasta ferita una 17enne a Monte Grimano, nella frazione di Montelicciano, a pochi metri dal confine di Stato.

La ragazza, a seguito della caduta, avvertiva dolori in più parti del corpo. A seguito di una chiamata al 118 la centrale operativa di Pesaro ha inviato un’ambulanza da Sassocorvaro, che è giunta sul posto dopo circa 25 minuti percorrendo strade di montagna. Il medico a bordo ha poi constatato che, a causa della possibile presenza di fratture e traumi interni, sarebbe stato necessario raggiungere velocemente un ospedale.

Il dottore ha quindi avvertito la centrale operativa, chiedendo all’ospedale sammarinese disponibilità per l’accoglienza di un’ambulanza con a bordo una ragazza con possibili politraumi. Dopo aver compreso che la paziente era italiana, tuttavia, la struttura ospedaliera di Borgo Maggiore avrebbe negato l’accesso alla 17enne.

A seguito della rilevanza mediatica assunta dalla vicenda, l’ospedale di San Marino ha replicato affermando che la nazionalità della ragazza sarebbe chiesta a causa dell’assenza di un codice rosso, inoltre essendo l’ospedale della Repubblica sprovvisto di un trauma center era da ritenersi più adeguata la scelta di una struttura ospedaliera alternativa.

In ogni caso, comunque, l’ambulanza non avrebbe mai raggiunto il pronto soccorso di San Marino, poiché in tal caso la paziente sarebbe stata assistita, e la valutazione sulla trasportabilità della 17enne sarebbe stata eseguita dalla centrale operativa pesarese.

Ulteriori testimonianze a sostegno della ragazza, tuttavia, sono giunte da altri motociclisti del gruppo in cui la ragazza, passeggera della moto del padre, faceva parte. Da queste dichiarazioni, come riferito dal Resto del Carlino, si evince come la mancata accoglienza della ragazza sarebbe stata in realtà l’epilogo di una discussione tra il medico dell’ambulanza e la struttura ospedaliera, che si sarebbe conclusa con un rifiuto da parte dell’ospedale.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!