PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Irregolarità nella vendita di fuochi d’artificio, nei guai due negozi di Pesaro

Sequestrati dalla Polizia di Stato centinaia di articoli

896 Letture
commenti
Fuochi artificio, botti di Capodanno

A ridosso di Capodanno la Polizia di Stato di Pesaro ha compiuto dei sopralluoghi presso alcuni negozi della città, riscontrando delle irregolarità in due casi per quanto riguarda la vendita di prodotti pirotecnici.

Nel primo, un dipendente ha mostrato agli agenti articoli di libera vendita di categoria F1 e F2, esposti normalmente tra gli scaffali. Poco dopo, le forze dell’ordine hanno però notato diciotto scatole contenenti gli stessi fuochi d’artificio, accatastati in un sottoscala a ridosso di materiale infiammabile come stoffa e plastica.

All’esterno del negozio, i poliziotti hanno inoltre rinvenuto un deposito con altri sedici scatoloni dei medesimi articoli, anch’essi ammucchiati assieme a materiale plastico e cartaceo, così da rappresentare un concreto rischio di incendio. Per tali motivi, la titolare è stata denunciata per commercio abusivo di materie esplodenti; in totale, sono stati sequestrati 1813 fuochi d’artificio, per 74 chilogrammi netti di polvere pirica.

Presso una seconda attività, invece, su uno scaffale la Polizia ha notato la presenza di due articoli pirotecnici venduti singolarmente e non nella loro confezione originale, sulla quale erano però riportate le relative istruzioni per l’uso. In questo caso la titolare è stata sanzionata per detenzione di prodotti privi di istruzioni per l’impiego. Posti sotto sequestro entrambi i fuochi d’artificio.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!