PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Sfruttamento del lavoro, in carcere imprenditore cinese residente ad Acqualagna

Avrebbe costretto diversi suoi connazionali a orari di lavoro oltre il consentito e ad accettare paghe irrisorie

699 Letture
commenti
fossombrone-carcere

Un imprenditore di nazionalità cinese è finito in carcere nella mattinata di mercoledì 12 giugno in ottemperanza a una misura di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Urbino.

Secondo quanto accertato nel corso delle indagini condotte dai Carabinieri sin dal gennaio del 2021 a seguito di un sopralluogo, l’individuo in questione, residente nel territorio comunale di Acqualagna, avrebbe sfruttato largamente le prestazioni lavorative di alcuni suoi connazionali: questi erano impiegati nel settore tessile con salari ben al di sotto di quanto consentito e orari insostenibili, vivendo inoltre in strutture fatiscenti messe a disposizione dal datore di lavoro stesso. Grazie a ciò, l’imprenditore si sarebbe garantito guadagni considerevoli, stimati in diverse centinaia di migliaia di euro: per lui si sono ora aperte le porte del carcere di Pesaro.

 

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!