PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Valentino Rossi trionfa a Misano diventando il campione più longevo

"È un'emozione indescrivibile poter stringere la coppa col numero del Sic"

3.153 Letture
commenti
valentinorossi-motogp-misano

Strepitoso Valentino Rossi che torna a vincere come nel 2008 e 2009 nel leggendario GP di San Marino. Una vittoria quella ottenuta domenica 14 settembre cercata, voluta, sofferta (almeno nei primi giri e poi per tutta la gara girando a un ritmo sovrumano, per tenere lontano il compagno di scuderia Lorenzo), una vittoria che lo riporta – lui campionissimo – in vetta alla MotoGp, almeno per questa tredicesima prova del Motomondiale. Una vittoria che nel circuito di Misano vale doppio perché se il Mugello è casa sua, Misano è il suo salotto, uno spazio magico che condivide, entusiasmandoli tutti, con i suoi tifosi e amici.

Un delirio a fine gara, un’onda gialla sulle tribune e sui prati che circondano il tracciato di Misano con un solo numero, il fatidico 46, a simboleggiare un grande pilota che di numeri sulla moto ne ha regalati tanti. Mancava da Assen dell’anno scorso il gradino più alto del podio per Valentino, a 18 anni di distanza dalla sua prima grande vittoria in moto ottenuta a Brno nel 1996 (con questo successo Vale supera anche Loris Capirossi nella gara di longevità essendo diventato con la vittoria di Misano il pilota più longevo con il maggior numero di successi a cavallo di una due ruote). 81esima vittoria nella classe regina per il campione pesarese e 151esima in assoluto, numeri davvero da capogiro. Semplicemente una leggenda.

Sembra tornato il “Dottore” dei bei vecchi tempi quello che ai microfoni di Sky dopo una gara da “professore” ha dichiarato: “Mi sono divertito un sacco, sembrava di esser tornato un ragazzino, soprattutto nei primi tre giri. Questa volta la gara è stata davvero grande e io me la sentivo, perché qui a Misano sono andato bene fin dal primo giorno e non potevo fallire davanti a questa bella gente. Una vittoria che mi piace ancora di più se penso che ultimamente con Marquez le gare non si riescono a vincere spesso. Sono felice anche per i miei collaboratori Silvano (Galbusera n.d.r.) e Matteo (Flamigni n.d.r.) perché abbiamo lavorato tutti alla grande in questo fantastico weekend“.

Le Yamaha sono andate bene fin dal primo giorno a Misano, dalle prove libere alle qualifiche di gara e la vittoria di Vale con il secondo posto di Lorenzo testimoniano una grande crescita a livello tecnico nella casa nipponica, Pedrosa ha faticato molto per star dietro ai due piloti di testa, Marquez è addirittura caduto dopo tre giri per cercare di mantenere il ritmo indiavolato del pesarese il quale, stringendo finalmente in un abbraccio che mancava da 15 mesi l’agognato trofeo, ha potuto confessare: “Mi sento come un papa dalla felicità, è indescrivibile l’emozione che provo nello stringere la coppa con il numero del Sic. A Simoncelli ci penso sempre e vincere qua è bellissimo“.

 

Mauro Giorgio
Pubblicato Lunedì 15 settembre, 2014 
alle ore 14:32
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!