PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Cgil: a gennaio 2015 pensioni più basse

Catia Rossetti: "Ennesima dimostrazione dell’indifferenza di questo governo verso i pensionati"

3.831 Letture
commenti
cgil.catiarossetti

A gennaio le pensioni saranno più basse. È quanto annuncia  lo Spi Cgil provinciale, a causa del conguaglio negativo delle pensioni 2014. Infatti il valore Istat programmato a dicembre 2013 per l’anno 2014 era pari a 1, 2 % mentre quello definitivo è pari a 1,1%.

Tradotto con degli esempi:  una pensione minima lorda che a dicembre 2014 era di 501,30 euro a gennaio sarà di 495,90 euro con una perdita di 5,40 euro. Una pensione che a dicembre era di 1.002,80 lorde a gennaio sarà di 991,90 euro con un taglio pari a 10, 90 euro. Ultimo esempio, se una pensione a dicembre era di 1504,10 euro lordi, subirà una decurtazione di 16,30 euro e sarà quindi  pari a 1.487,80 euro.

Anche nel 2014, a causa della mancata crescita del Pil, il tasso di inflazione definitivo – spiega la segretaria generale provinciale dello Spi Cgil Catia Rossettiera inferiore a quello programmato, tuttavia la legge si Stabilità 2014 aveva evitato di procedere a trattenere la differenza tra i due valori. Quest’anno, con la legge di Stabilità non sarà cosi, e le pensioni subiranno i tagli elencati.

Per Catia Rossetti : “Anche se si tratta di valori che non cambiano in sé stessi il tenore di vita delle persone, il provvedimento è ugualmente grave. In tre anni, infatti, l’incremento delle pensioni è passato dal 3% del 2013, allo 0,3 % del 2015, su pensioni che, ricordiamo, non superano, nel 70 per cento dei casi, i 700 euro lordi mensili. Il valore delle pensioni già basso, quindi è diminuito sensibilmente rispetto al costo della vita, anche a causa dell’aumento delle imposte locali che non vengono considerate dall’indice Istat che calcola il modo in cui le pensioni devono crescere”.

Si tratta – conclude  Catia Rossetti – dell’ennesima dimostrazione di insensibilità nei confronti dei pensionati (che, non dimentichiamo, sono gli ammortizzatori sociali di molte famiglie), che non hanno avuto alcun beneficio dagli ultimi interventi di legge, a partire dagli 80 euro dai quali sono stati esclusi anche per il  2015”.

 

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!