PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Fano, al Teatro della Fortuna don Chisciotte

Da venerdì 20 a domenica 22 dicembre

Teatro della Fortuna di Fano

Da venerdì 20 a domenica 22 dicembre un nuovo appuntamento con FANOTEATRO – stagione della Fondazione Teatro della Fortuna realizzata con AMAT e con il contributo del Comune di Fano, della Regione Marche e del MiBACT – con uno spettacolo tra i più amati e di successo, Don Chisciotte nell’adattamento di Francesco Niccolini, liberamente ispirato al romanzo di Miguel de Cervantes Saavedra, con Alessio Boni, artista dal grande temperamento nel ruolo del titolo, e Serra Yilmaz, musa cinematografica di Ozpetek eccezionale nel ruolo di Sancho Panza affiancati da Marcello Prayer che firma insieme a Alessio Boni e Roberto Aldorasi la regia.

Con lo spettacolo torna Oltre la scena, incontri con le compagnie ospiti di FANOTEATRO, che ha luogo in teatro sabato 21 dicembre alle ore 18.30.

Il dissolvimento dell’antico mondo e la contraddittorietà del presente come materia di trasformazione parodistico-fantastica attraversano lo spettacolo.

“Chi è pazzo? Chi è normale? Forse chi vive nella sua lucida follia – scrive Alessio Boni nelle note allo spettacolo – riesce ancora a compiere atti eroici. Di più: forse ci vuole una qualche forma di follia, ancor più che il coraggio, per compiere atti eroici. La lucida follia è quella che ti permette di sospendere, per un eterno istante, il senso del limite: quel “so che dobbiamo morire” che spoglia di senso il quotidiano umano, ma che solo ci rende umani. L’animale non sa che dovrà morire: in ogni istante è o vita o morte.
L’uomo lo sa ed è, in ogni istante, vita e morte insieme. Emblematico in questo è Amleto, coevo di Don Chisciotte, che si chiede: chi vorrebbe faticare, soffrire, lavorare indegnamente, assistere all’insolenza dei potenti, alle premiazioni degli indegni sui meritevoli, se tanto la fine è morire? Don Chisciotte va oltre: trascende questa consapevolezza e combatte per un ideale etico, eroico. Un ideale che arricchisce di valore ogni gesto quotidiano. E che, involontariamente, l’ha reso immortale. È forse folle tutto ciò? È meglio vivere a testa bassa, inseriti in un contesto che ci precede e ci forma, in una rete di regole pre-determinate che, a loro volta, ci determinano? Gli uomini che, nel corso dei secoli, hanno osato svincolarsi da questa rete – avvalendosi del sogno, della fantasia, dell’immaginazione – sono stati spesso considerati “pazzi”. Salvo poi venir riabilitati dalla Storia stessa. Dopotutto, sono proprio coloro che sono folli abbastanza da credere nella loro visione del mondo, da andare controcorrente, da ribaltare il tavolo, che meritano di essere ricordati in eterno: tra gli altri, Galileo, Leonardo, Mozart, Che Guevara, Mandela, Madre Teresa, Steve Jobs e, perché no, Don Chisciotte”.

La drammaturgia dello spettacolo prodotto da Nuovo Teatro con Fondazione Teatro della Toscana è di Alessio Boni, Roberto Aldorasi, Marcello Prayer e Francesco Niccolini. Con Alessio Boni e Serra Yilmaz in scena ci sono Marcello Prayer, Francesco Meoni, Pietro Faiella, Liliana Massari ed Elena Nico e il ronzinante Nicoló Diana. Le scene sono di Massimo Troncanetti, i costumi di Francesco Esposito, le luci di Davide Scognamiglio e le musiche di Francesco Forni.

Inizio spettacoli: venerdì e sabato ore 21, domenica ore 17. Info botteghino del teatro 0721 800750.

AMAT
Pubblicato Lunedì 16 dicembre, 2019 
alle ore 14:40
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
Triste
Indifferente
Felice
Molto felice
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!