PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Attivato a Pesaro un progetto di assistenza scolastica a distanza

L'iniziativa, cui hanno aderito 14 istituti scolastici cittadini, coinvolgerà 171 studenti con bisogni speciali

scuola, classe, banchi, aula scolastica

Il Comune di Pesaro Servizio Politiche Educative, in collaborazione con la Cooperativa Labirinto, ha attivato un progetto per fornire supporto educativo a distanza per la comunicazione e l’autonomia per i bambini/e gli alunni/e, studenti/studentesse con bisogni educativi speciali e come previsto dalla normativa (L.104/92). L’intento dell’intervento è quello di riprendersi cura delle relazioni che si sono bruscamente interrotte con la sospensione dell’attività scolastica ordinaria a causa del coronavirus.

Nella vita scolastica ordinaria il ruolo del servizio educativo comunale per l’autonomia e la comunicazione, affidato alla cooperativa Labirinto, è quello di accompagnare il bambino e ragazzo, affinché la scuola sia sempre più luogo di pari opportunità per tutti. Le attività nascono dal raccordo tra il Progetto di vita di ogni ragazzo/a bambino/a con disabilità e il Progetto educativo individualizzato che ha come responsabile la scuola con gli insegnanti curriculari e di sostegno.

“Le scuole sono già impegnate nella didattica a distanza per tutti gli alunni – sottolinea l’assessore alla Crescita Giuliana Ceccarelli -, compresi gli alunni disabili; la nostra proposta presentata a tutte le Scuole statali di ogni ordine e grado del Comune di Pesaro vede l’educatore comunale riprendere il contatto con le famiglie dei bambini/e e dei ragazzi/e, nonché con i vari insegnanti di riferimento e condividere con loro il percorso educativo-didattico”.

In questa situazione totalmente inedita, i responsabili della cooperativa Labirinto, il coordinamento pedagogico comunale e gli Istituti scolastici sono stati siamo chiamati a reinventarsi, formulando nuove strategie per poter comunque stare accanto alle famiglie e i loro figli con disabilità. Il Supporto Educativo a distanza, dunque, rappresenta una nuova sfida per il campo educativo, da svilupparsi in stretta collaborazione e connessione con le scuole di Pesaro, come sviluppo del Progetto Educativo individualizzato. Saranno utilizzate le diverse piattaforme che le scuole utilizzano già per la didattica a distanza, nonché la possibilità di contattare le famiglie con telefonate e collegamenti Skype o simili.

Il Progetto, presentato alle scuole dal 23 marzo, proseguirà fino al termine del periodo previsto di sospensione dell’attività didattica ordinaria.

Fino ad oggi hanno aderito al progetto tutte le scuole in cui è presente l’educatore comunale (al momento non ha aderito l’istituto comprensivo Villa San Martino), ovvero 13 istituti scolastici statali e 1 paritario, con 171 alunni interessati e 89 educatori impegnati.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!