PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Arretramento Statale 16: il M5S di Gabicce chiama a raccolta i Comuni del pesarese

Un appello alla Regione: "Opera fondamentale, la sicurezza non può aspettare"

1.468 Letture
commenti
Melchiorri e Ruggeri

Viabilità: il Movimento 5 Stelle di Gabicce Mare rivolge un appello alla Regione Marche e chiama a raccolta i Comuni della provincia per spingere sul progetto di arretramento dell’attuale tracciato della Statale 16, al fine di migliorare la mobilità e garantire la sicurezza di chi ogni giorno percorre questa arteria ma anche dei residenti dei tanti nuclei abitati che si trovano lungo di essa.

Una richiesta rivolta in primis all’assessore regionale alle Infrastrutture, Francesco Baldelli, ma rispetto alla quale il M5s auspica massimo coinvolgimento e concertazione con tutte le amministrazioni comunali da Gabicce fino a Mondolfo-Marotta.

“Recentementespiega Monica Melchiorri, capogruppo del M5s a Gabicceun’interrogazione della consigliera regionale Marta Ruggeri del Movimento 5 Stelle ha riacceso a Fano il dibattito sulla cosìddetta variante di Gimarra, che non offre una reale alternativa alla Statale e non allontana il traffico di attraversamento dai centri abitati.

Lo stesso assessore Baldelli ha aperto alla possibilità di una variante vera e propria per il collegamento di Fano e Pesaro per arrivare infine a Gabicce. Si tratta di un progetto che ci trova naturalmente favorevoli e sul quale siamo più volte intervenuti in passato. La variante prospettata dalla consigliera Ruggeri permetterebbe da un lato di sgravare la Statale 16, già enormemente appesantita dal traffico, allontanando automobili e mezzi pesanti dai centri abitati in cui spesso si trovano a transitare.

Nel caso specifico di Gabicce, il nostro pensiero va soprattutto alla frazione di Case Badioli, quasi interamente attraversata dalla Statale 16: la sensazione, per i residenti, è quella di trovarsi a pochi metri da un vero e proprio circuito, con veicoli che sfrecciano a tutta velocità, mettendo a repentaglio l’incolumità di pedoni e ciclisti, senza considerare poi l’elevato numero di incidenti, purtroppo anche mortali, registrati in passato.

L’arretramento dell’Adriatica, in realtà, è un’opera già prevista dagli strumenti di pianificazione urbanistica: il piano regolatore generale di Gabicce, infatti, individua un’area – non residenziale, ma attualmente costituita da terreni agricoli – per la realizzazione dell’eventuale bretella. Un tema, questo, che a nostro avviso si riallaccia ad un altro, ovvero quello della Ciclovia Adriatica: un’opera che crediamo possa rivelarsi strategica per il nostro territorio, ma che presenta ancora alcune criticità legate alla sicurezza (ad esempio: la questione degli attraversamenti).

Ci rivolgiamo alla Regione, ma anche a tutti i Comuni del litorale pesarese, chiedendo di prendere seriamente in mano il progetto, iniziando a lavorare nel segno della massima condivisione, approfittando magari anche delle opportunità economiche offerte dal Recovery Fund. Come Movimento 5 Stelle Gabicce, siamo pronti a fare la nostra parte per dare slancio a un’infrastruttura che consideriamo fondamentale per il futuro del nostro territorio”

Da Movimento 5 Stelle Gabicce Mare

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!