PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Tornano a tremare le Marche: scossa di terremoto di Magnitudo 4.3 a Montefelcino

Sisma avvertito in molti comuni nel nord della regione. Scuole chiuse a Fano il 29 e 30 ottobre per verifiche a edifici. Treni fermi

2.397 Letture
commenti
Terremoto a Montefelcino 29 ottobre 2021

Un lungo sussulto ha risvegliato vecchie paure, verso le ore 13 di venerdì 29 ottobre nella parte nord delle Marche. Una scossa di terremoto è stata ben avvertita nelle province di Pesaro Urbino e Ancona.

Si tratterebbe, secondo le prime stime dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, di un sisma di Magnitudo Ml 4.3 (Mw 4.1) nell’entroterra di Fano. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Montefelcino, Serrungarina e Cartoceto, ad una profondità di circa 38 km.

Dopo la scossa principale sono stati registrati altri terremoti di magnitudo inferiore: sono stati almeno altri 4 gli eventi localizzati nella stessa area, di magnitudo compresa tra 1.4 e 2.7.

A parte i messaggi che da subito sono iniziati a rimbalzare su social network e chat e le molte chiamate giunte ai Vigili del Fuoco al numero 115, non sono ancora stati segnalati danni a cose, e soprattutto a persone.

Il Comune di Fano ha deciso per la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado da subito, nella giornata di venerdì 29 ottobre e anche per quella successiva di sabato 30, per poter effettuare le verifiche strutturali del caso sugli edifici scolastici.

Trenitalia informa che dopo la scossa sismica nel Pesarese, in attesa della ripresa della circolazione i treni sono fermi nelle stazioni e i servizi di bordo sono tutti funzionanti.

In particolare, la circolazione ferroviaria è stata sospesa tra Rimini e Ancona, tra Falconara Marittima e Fabriano e tra Civitanova e Fabriano.

I treni fermi sono: FR 9805 e FB 8816 nella stazione di Fano, FB 8818 a Loreto, due merci a Cattolica, un regionale, il 3819, a Montemarciano; il 3911 a Pesaro, il 23849 a Macerata.

La Protezione Civile è stata informata sia centralmente che territorialmente.

L’assistenza viaggiatori di Trenitalia si è recata nelle stazioni di Rimini, Ancona, Bologna C.le, Pescara e Foggia. Il personale di Protezione Aziendale attivato per l’eventuale supporto. Personale Fs attivato anche a Fano per dare assistenza a 825 viaggiatori presenti sui treni 8805 e 8816.

 

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!