PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Pesaro, “Un abbraccio di musica, parole e immagini” in ricordo di Giubartò

Il vice sindaco Vimini: "Giuliano ha saputo tessere rapporti, dialogare con tutti, e sempre in maniera franca"

Ricordo di Giubartò a Pesaro

Il suo studio, gli amici, i clienti, bozzetti, foto di sorrisi e incontri, parole, stoffe, disegni e musica. I tasselli della vita di Giuliano Bartoloni, per tutti Giubartò, sono tornati a riempire via del Fallo, ieri, per “Un abbraccio di musica, parole e immagini”, l’appuntamento organizzato dalla nipote Nicol in occasione dei due anni dalla scomparsa del sarto e stilista pesarese.

Un appuntamento sostenuto dall’Amministrazione comunale, come sottolinea Daniele Vimini, vicesindaco e assessore alla Bellezza, per onorare «una figura indimenticabile anche in ottica di Pesaro Città creativa UNESCO, perché chi è più creativo di lui? Giuliano ha saputo tessere rapporti, dialogare con tutti, e sempre in maniera franca, a volte pungente. Rispecchiando l’anima dei pesaresi del centro storico, e la loro indole particolarmente schietta. La sua era forte anche di una cultura davvero vasta, che andava oltre la sapienza del suo lavoro, e che si arricchiva della sua curiosità, della sua grande passione per il teatro e il Rof in particolare e dei dibattiti sui temi attuali, specialmente legati al momento sociale. A lui si deve anche l’abbattimento di qualche preconcetto e l’aver fatto emergere contraddizioni e ipocrisie. Ce lo ricordiamo al tavolo della Chiccoteca, a girare con la sua bici scrutando con i suoi occhi indagatori la città, a passeggiare in questa via, che oggi ripercorre e celebra la sua anima creatività rimasta intatta grazie alla cura dei residenti e che cercheremo di valorizzare con un progetto decorativo».

In tanti hanno partecipato al pomeriggio guidato dalle note di Jacopo Mariotti (violoncello) e Diego Massimini (violino), «che ho voluto e organizzato per rivive lo zio e riunire tutte le persone che erano in contatto con lui – racconta la nipote Nicol -. Quest’anno la “scenografia” della via si è arricchita di un abito da sposa, con le foto di chi l’ha indossato, che sono riuscita a trovare nel suo baule. Manca tanto: anche se ci scontravamo ogni giorno, alla fine ci ritrovavamo sempre. È stata una persona importante della mia vita e ancora lo è perché rivivo quotidianamente il suo pensiero, come credo facciano tanti di coloro che lo hanno conosciuto».

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!