PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Spaccio di stupefacenti con base a Fossombrone, maxi-operazione dei Carabinieri

Otto le persone arrestate a conclusione di indagini scattate nella primavera del 2018

2.901 Letture
commenti
auto dei Carabinieri, gazzella, 112

Si è conclusa nelle prime ore della mattinata di giovedì 4 giugno l’operazione “Bunker“, condotta per mesi dai Carabinieri con l’obiettivo di contrastare fortemente lo spaccio di stupefacenti nella Val Metauro.

I militari, agendo su mandato del Tribunale di Urbino, hanno infatti eseguito tre provvedimenti di custodia cautelare in carcere a carico di altrettanti uomini, mentre per altri tre sono invece stati disposti gli arresti domiciliari; un altro individuo dovrà invece sottostare all’obbligo di firma quotidiana presso la caserma di Fossombrone. Altri spacciatori erano già finiti nella rete delle forze dell’ordine dall’inizio delle indagini, avviate nella primavera del 2018.

A finire nei guai sono stati gli appartenenti a due diversi gruppi criminali operanti a Fossombrone, gruppi che si occupavano dell’approvvigionamento di stupefacenti quali cocaina, hashish e marijuana per poi smerciare le sostanze illecite in svariate località della provincia, tra cui Pesaro e Fano.

Nel corso di oltre due anni, i Carabinieri hanno potuto raccogliere un’enorme mole di informazioni sui pusher, documentati mentre prendevano parte a oltre 200 compravendite di droga. Complessivamente, i militari hanno posto sotto sequestro 200 grammi di cocaina, 100 grammi di marijuana e 20 piantine di cannabis: l’uomo sorpreso ad occuparsi della suddetta piantagione è stato denunciato per il reato di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!