PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Caporalato e sfruttamento del lavoro, 45enne cinese arrestato ad Acqualagna

Nel laboratorio tessile diretto dall'uomo i Carabinieri hanno riscontrato numerose irregolarità, tra cui due lavoratori in nero

1.062 Letture
commenti
Carabinieri, gazzella

Nella giornata di martedì 16 giugno le forze dell’ordine hanno tratto in arresto un 45enne di nazionalità cinese, sul quale pende l’accusa di caporalato e sfruttamento del lavoro.

L’individuo in questione, già noto per via di una vicenda analoga emersa a Cagli negli ultimi mesi del 2019, è stato tenuto sotto osservazione per diverso tempo dai Carabinieri, che sono infine intervenuti presso un laboratorio di Acqualagna dedito alla produzione di materiali tessili.

Nel corso degli accertamenti, i militari si sono imbattuti in cinque lavoratori, due dei quali impiegati in nero, che nonostante orari di lavoro spropositati e condizioni igienico-sanitarie proibitive avevano lavorato nel maglificio anche durante il lockdown dovuto all’emergenza Coronavirus.

Il titolare dell’attività, che si avvaleva di un prestanome nel tentativo di sfuggire ai controlli, è stato raggiunto da un provvedimento di custodia cautelare in carcere su disposizione del Gip del Tribunale di Urbino.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!