PesarourbinoNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Omicidio di Gradara, almeno sette le coltellate inferte a Natalia Kyrychok

Rimane recluso nel carcere di Villa Fastiggi l'autore dell'omicidio, l'80enne Vito Cangini

3.206 Letture
commenti
Carcere di Villa Fastiggi (Pesaro)

Emergono nuovi elementi a seguito dell’autopsia condotta martedì 28 dicembre sul corpo di Natalia Kyrychok, la 61enne di origini ucraine uccisa a coltellate a Gradara dal marito, l’80enne Vito Cangini.

Gli accertamenti in questione hanno evidenziato come l’anziano abbia inferto almeno sette coltellate alla moglie, di cui una, al cuore, si sarebbe rivelata fatale. Dalla posizione delle ferite, presenti sugli arti, sulla schiena e sul busto della vittima, si intuirebbe che la donna abbia provato disperatamente a difendersi dalla furia del marito.

Continuano intanto gli interrogatori a carico di Cangini, detenuto nel carcere pesarese di Villa Fastiggi con l’accusa di omicidio volontario. L’uomo si sarebbe contraddetto in alcuni passaggi, relativi ad esempio al momento in cui ha preso in mano l’arma del delitto, un coltello da cucina.

Athos Guerro
Pubblicato Mercoledì 29 dicembre, 2021 
alle ore 16:22
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo
Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Pesaro Urbino Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!